A San Marino si toccherà con mano il futuro della televisione

L’annuale HD Forum Italia Conference che si terrà a San Marino il 24 e 25 aprile prossimo si annuncia come un evento importante, denso di riflessioni, stimoli, idee, proposte, indicazioni sul futuro tecnologico della televisione. Lo si è capito a Milano sabato scorso all’Expo Gate nella conferenza congiunta di presentazione della presenza di San Marino all’Expo e della Conference 2015. San Marino sarà infatti «una sorta di giardino dell’innovazione e dello sviluppo nel campo delle Tlc e della nuova televisione grazie alla cablatura in fibra che entrerà presto in tutte le abitazioni dei sammarinesi. È su questo presupposto che la partnership tra HD Forum Italia e San Marino è nata e si è sviluppata», ha affermato Benito Manlio Mari, presidente di HD Forum Italia. Mentre Emanuele Valli, direttore dell’Azienda Autonoma dei Servizi di Stato sammarinese, ha specificato che la Repubblica più antica al mondo «punta con decisione sulle nuove tecnologie a sostegno dello sviluppo: un interlocutore come HDFI è in tal senso un alleato strategico importante per le competenze che porta».
San Marino, in predicato di diventare uno Stato “smart”, sarà quindi il banco di prova per la sperimentazione di nuove applicazioni per la TV interattiva e dei programmi in Ultra HD. Assieme all’integrazione tra broadband e broadcast, lo sviluppo della TV digitale interattiva e l’evoluzione tecnologica verso l’Ultra TV saranno i temi portanti della Conference 2015 a conferma che, oltre ad essere un’associazione di filiera il cui scopo è l’aggregazione di soggetti e di interessi, HD Forum Italia è un “think tank” che anticipa tempestivamente il futuro.
Qual è il futuro? Per esempio, è una sigla: HbbTV. A San Marino HD Forum Italia presenterà una primizia assoluta: il workshop dell’associazione paneuropea HbbTV, incontro d’importanza fondamentale che preannuncia il passaggio al nuovo standard europeo per la TV interattiva nel mercato italiano in sostituzione dell’attuale standard MHP. «Con lo standard HbbTV l’Italia si aprirà al mercato europeo e globale ed i broadcaster nazionali potranno fronteggiare l’offerta on demand in modo molto più convinto», ha chiosato Alberto Sigismondi, consigliere delegato di Tivù. «HbbTV 2.0 è il nuovo standard europeo che apre al più fondamentale dei linguaggi web: l’HTML5. – ha aggiunto Marco Pellegrinato, vicepresidente di HD Forum Italia – Con questo cardine tecnologico estendere molti degli attuali servizi web sulla televisione sarà più semplice di quanto lo sia stato in passato con MHP e questo determinerà ancor di più il successo della piattaforma televisiva». Data l’importanza di questo workshop, i suoi esiti saranno oggetto di un’azione di divulgazione da parte di HD Forum Italia in altri ambiti ed in altri appuntamenti a carattere professionale e tecnologico che si terranno in Italia.
Il futuro sarà segnato anche dall’aumento della qualità del video con l’Ultra HD e dalla crescente integrazione tra modalità di trasmissione. «Aumentare la qualità rappresenta un asset tipico della televisione che la distingue da altri device; ma internet diventerà sempre più importante e la convergenza tra i sistemi è all’ordine del giorno. – ha detto Pietro Guerrieri, segretario generale di HD Forum Italia e direttore generale di SES Astra Italia – Obiettivo è perciò la connettività a banda larga, anche perché i contenuti video sono sempre più importanti».
A Milano HD Forum Italia ha inoltre formalizzato l’accordo con Confindustria Radio Televisioni. «La televisione vive una stagione di grandissima rivoluzione. – ha spiegato Rodolfo de Laurentiis, presidente di Confindustria Radio Televisioni – Con HD Forum Italia abbiamo perciò siglato un accordo triennale allo scopo di accompagnare la rivoluzione e definire assieme regole e standard tecnici. Se San Marino si propone di costituire con HD Forum Italia un laboratorio di ricerca e sviluppo saremo felici di contribuire ai lavori anche noi».
Va detto infine che attraverso un talk show pomeridiano HD Forum Italia ha affrontato la relazione tra sviluppo delle Tlc e finalità di Expo 2015, ovvero la sostenibilità e la qualità alimentare, anche in relazione della tappa conclusiva del programma Eventi 2015 di HD Forum Italia: l’incontro del 25 settembre che si svolgerà proprio all’interno del quartiere dell’Expo. Renato Farina, vicepresidente di HD Forum Italia e amministratore delegato di Eutelsat Italia, ha testimoniato l’importanza della televisione per l’Expo: «Non ci può essere sostenibilità senza educazione alimentare e l’educazione passa per l’informazione. Uno strumento come la televisione ha e continuerà ad avere perciò un ruolo importante. Con i suoi satelliti, Eutelsat porterà Expo nel mondo in qualità di partner ufficiale, offrendo alle emittenti televisive un’infrastruttura tecnologica per diffondere a livello planetario il messaggio della manifestazione».

Share on FacebookTweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someonePrint this page